La nostra storia

RISO DELLA SARDEGNA è la prima industria risiera sorta in Sardegna. L'attività iniziò nel 1951 quando il sig. Cesello Putzu di Selargius (CA), impiantò ad Oristano le prime macchine per la lavorazione del riso, con una capacità produttiva di 4 q.li/h.

L'avvio della lavorazione e commercializzazione del riso coincise con l'inizio della coltivazione dello stesso. Quest'ultima ebbe un primo sviluppo per merito del sig. Annibale Bertazzoli di Brescia, il quale accortosi dell'ottima qualità di prodotto che si otteneva dai terreni dell'Oristanese, suggerì a Cesello Putzu l'impianto della Riseria.

Apparve presto chiaro il potenziale di crescita che la coltivazione del riso poteva dare all'agricoltura di Oristano, per la quale fu fondamentale il contributo della nuova riseria.

Nel corso di questi cinquant'anni, la coltivazione del riso è diventata una delle principali attività agricole dell'oristanese in particolare e, più generale, della Sardegna. Il prodotto sardo è conosciuto in tutta Italia per l'ottima qualità raggiunta e, per tale motivo, soprattutto il riso da seme ha trovato sbocco nei mercati nazionali.

Anche la riseria di Cesello Putzu si è espansa sia in termini di produttività che di vendite. Nel 1979 cambia nome e forma sociale e diventa la RISO DELLA SARDEGNA SPA  ed infine, all'inizio degli Anni '90, conquista definitivamente la leadership del mercato sardo. Attualmente l'azienda ha una capacità produttiva di 40 q.li/h, propone un'ampia gamma di articoli e si presenta con le confezioni rinnovate in chiave europea.

L'alta qualità del prodotto unita alla serietà e alla cortesia che hanno sempre caratterizzato il metodo di lavoro saranno i punti di forza per intraprendere nuove e durature relazioni commerciali.