Il Riso

Il RISO e' il cereale più consumato nel mondo, alimento base di circa 1/3 della popolazione terrestre. Il riso, in termini tecnici Oryza sativa, è una pianta erbacea annuale, della famiglia delle graminacee. L'Oryza sativa e' una pianta originaria delle regioni dell'Asia sudorientale si dice coltivata in modo intensivo da più di 7000 anni, come dimostrano alcuni reperti databili intorno al 5000 a.C., ritrovati nella Cina orientale, e ad altri reperti risalenti al 6000 a.C. ritrovati in una caverna della Thailandia settentrionale.

IL RISO e' una pianta che ama l'acqua, richiede un clima caldo-umido e riesce a raggiunge l'altezza di circa 1 metro. A differenza di altri cereali il riso raramente e' usato per produrre le farine, in genere e' consumato bollito e condito secondo gli usi locali.

Il RISO ha cominciato a farsi apprezzare nel mondo occidentale verso il I° secolo a.C. Nel mondo greco-romano il riso era considerata una spezia esotica, estremamente costoso e quindi da usarsi con parsimonia in occasioni particolari oppure come medicamento.

Anche nel Medioevo in Italia il riso mantenne tale fama, come confermano alcune annotazioni riportate sui registri del Sant'Andrea, ospedale di Vercelli, risalenti al 1250. Altre testimonianze d'epoca riguardano l'acquisto di alcuni ettogrammi di riso per confezionare particolari tipi di dolci. Acquisti annotati sul libro delle spese dei conti di Savoia. In Italia la coltivazione del riso iniziò a diffondersi nelle zone del milanese e del vercellese tra la fine del XIV e l'inizio del XV secolo, e sono a tutt'oggi zone di produzione d'eccellenza di questa coltivazione.

Proprio grazie alla immediata conversione a tale coltura ed alle buone risposte produttive della campagna piemontese che il riso continuò a diffondersi e ad essere apprezzato come piatto quotidiano per larga parte della popolazione.